sabato 1 dicembre 2007

Champions: dal 2009 si cambia

Da: CALCIOMERCATO


Cambia la competizione per club più affascinante d'Europa. Dalla stagione 2009/2010 sarà infatti completamente modificato il meccanismo di qualificazione alla Champions League. I posti assegnati direttamente, sulla base dei risultati dei campionati nazionali, passano da 16 a 22. Per le nazioni ai primi tre posti nel Ranking Uefa (attualmente Italia, Spagna e Inghilterra) le prime tre passano direttamente alla fase a gironi, solo la quarta (e non più anche la terza, come è adesso) dovrà disputare i preliminari. Qualificati direttamente anche i campioni uscenti, in ogni caso, e i campioni nazionali dei paesi fino al 12° posto del Ranking.
I PRELIMINARI SI SDOPPIANO - delle 32 partecipanti alla fase a gruppi ne mancano 10: 5 usciranno dai preliminari che metteranno di fronte le 15 squadre delle nazioni maggiori, le altre 5 dai preliminari delle nazioni minori, a cui parteciperanno 40 squadre. In Champions ci saranno necessariamente cinque squadre di nazioni finora "improbabili", i piccoli club che attraverso l'attuale meccanismo di tre turni preliminari si trovano invece a un certo punto davanti alle squadre delle nazioni calcisticamente più forti e non riescono a qualificarsi.
NO AI VINCITORI DELLE COPPE NAZIONALI - Nessuna novità per i vincitori delle coppe nazionali, non troveranno spazio in Champions. Platini però non rinucia all'idea annunciando l'istituzione di un'apposita commissione che studierà il modo di reinserire le vincenti delle Coppe nazionali in un'ulteriore futura riforma: «I tempi non sono maturi - spiega il Presidente dell'Uefa - Ma il calcio è in continua evoluzione, quindi staremo a vedere. Intanto formeremo una commissione per capire come possiamo valorizzare le Coppe nazionali. Qualcosa in futuro faremo, ma la Coppa delle Coppe non torna in calendario»
IN BREVE - In sostanza non cambia la formula (la struttura rimane con 8 gruppi, e poi eliminazione diretta a partire dagli ottavi di finale, spalmati su 4 settimane e non più su due; inoltre la finale si giocherà di sabato, non più di mercoledi, e ci vorranno sempre stadi da almeno settantamila posti), ma sono diversi i criteri di reclutamento, con l'obiettivo di allargare la base dei paesi partecipanti alla fase a gironi, ovvero di dare anche alla squadre campioni di nazioni minori, calcisticamente parlando, la possibilità di evitare i preliminari.
INTERTOTO ADDIO, CAMBIA ANCHE LA COPPA UEFA - Dal 2009/2010 Sparirà anche il torneo Intertoto. Cambia quindi anche la coppa Uefa, che partirà con 48 squadre divise in 12 gironi da quattro. Le 24 che passeranno questa fase, assieme alle otto terze dei gironi di Champions parteciperanno alla fase ad eliminazione diretta. Ai tre turni preliminari sono stati aggiunte 37 squadre, dei paesi fino al 51/mo posto della classifica continentale, con l'esclusione del solo Liechtenstein e in attesa di vedere se prenderà corpo l'ipotesi di un'affiliazione del Vaticano.
PLATINI: «UNA CHAMPIONS DEMOCRATICA» - «Oggi sono felice - annuncia Michel Platini, il vero vincitore di oggi - perchè abbiamo reso la Champions più democratica, portandoci sei nuovi campioni nazionali con decisione unanime. Ci siamo presi la responsabilità di farlo, ma era ciò che volevo dal giorno che sono stato eletto. Voglio un'Uefa democratica, e vedo che ora il dialogo è possibile con tutte le componenti del calcio. Per questo organizzazioni come il G-14 non hanno più ragione di esistere: non è la sconfitta di qualcuno, ma solo l'evoluzione del nostro sport».

Personalmente avrei già inserito la modifica della partecipazione alla Champions anche della vincitrice della Coppa nazionale. Oppure avrei ricreato (valorizzandola come si faceva una volta) la Coppa delle Coppe.
Ps: guardando la foto... quant'è bella la coppa...

Nessun commento:

zebrabianconera10 zebrabianconera10 Se vuoi scambiare il banner contattami, ti invierò volentieri il codice via mail
SCAMBIO BANNER
BubbleShare: Share photos - Delicious Christmas Recipes.