sabato 19 gennaio 2008

Juve, Tiago la chiave per Sissoko


ROMA, 19 gennaio – Sissoko-Mellberg, la Juve ora accelera. In Inghilterra si sbloccherà, in entrata, il mercato bianconero. Grazie al flop Tiago, che il Tottenham di Juande Ramos è deciso ad acquistare per 12 milioni di euro. Il ricavato della cessione rimarrebbe in terra d’albione, spostandosi a Liverpool: qui Sissoko aspetta solo l’ufficialità per andare via e trasferirsi armi e bagagli a Torino.
SECCO, SPEDIZIONE DECISIVA – Alessio Secco, il ds della Juve, sarà in terra britannica all’inizio della prossima settimana per chiudere questa e l’altra trattativa, quella che vuole lo svedese Mellberg trasferirsi immediatamente in bianconero senza aspettare giugno: le parti stanno trattando, il club di Birmingham è attirato dall’offerta della Juventus e sta rastrellando il mercato cercando un difensore centrale in grado di sostituire subito Olof.
ALMIRON, IL MONACO SI AVVICINA – Anche l’argentino è in procinto di andare via: il Monaco lo vuole, in prestito ora e con diritto di riscatto a luglio a 8 milioni di euro. La Juve tentenna, potrebbe accettare se tornasse subito Marchisio dall’Empoli che infatti si è premunita con l’acquisto dello svincolato (dal Cagliari) Budel.

(Fonte: Corrieredellosport.it)


Mellberg, Sissoko, Marchisio. In rigoroso ordine di priorità questi sono i tre arrivi dei quali la Juventus ha necessità impellente.

I soldi - come già detto - ci sono. Basta pensare a quelli che - cifre rese pubbliche al termine della scorsa sessione estiva del mercato - avanzavano dalla precedente campagna acquisti/vendite. Sicuramente poi non dovremmo tenere Tiago e quel fenomeno di Boumsong incassando ancora qualche milione di euro (complimenti a chi ne ha approvato l'acquisto, aggiungendo - oltre all'errore - anche un ingaggio stratosferico, che poi è il motivo principale per il quale il francese continua a rifiutare le proposte delle altre società). Operazioni utili a non chiudere in perdita questa finestra di calciomercato e a pianificare - da subito - la squadra del prossimo anno.

Con un pò di sarcasmo da tifoso deluso me la prendo con quasi tutti i componenti della società (per ora risparmio solo il Mister - grandissimo - e l'A.D. Blanc) pur sapendo che le difficoltà nelle quali hanno dovuto operare sino ad oggi non sono poche. Alessio Secco, uno dei più criticati - da me compreso - sino ad ora avrebbe le sue buone motivazioni per lamentare delle giustificazioni. Il suo ruolo è quello di D.S., ma - a mio modesto parere - non ci si dovrebbe limitare a giudicarlo solo per quello. Lo stesso ruolo può essere esercitato in maniera diversa da società a società, principalmente per tre motivi: i soldi che ti mettono a disposizione, lo staff con il quale lavori e l'autonomia che la proprietà ti lascia. Lo staff è sicuramente ottimo, non potrei dire di prim'ordine anche perchè uno come Ceravolo, al momento, la Juve non lo ha. I soldi sono quelli che sono, la situazione è davanti agli occhi di tutti. L'autonomia di Secco, al momento, mi sembra poi alquanto limitata. Prendersela con lui è come sparare sulla Croce Rossa. Oltretutto - e questo è un pensiero personale che ho già ribadito qualche tempo fa - penso che Secco rimarrà alla Juve, ma con altre funzioni. Al suo posto arriverà un altro D.S. Forse Amedeo Carboni. Oppure Dino Zoff, Ciro Ferrara. Vedremo.

Della proprietà ho già detto e ri-detto: chi ha in mano la Juve non può farsi dei problemi per prendere Sissoko a 15 milioni di euro, quando - solo con le cessioni di Tiago e Almiron, a tenersi stretti potresti ricavarne almeno 20. E' un problema trattare con l'Aston Villa per pagare 2 milioni di euro invece di 1 l'arrivo anticipato di Mellberg? Allora cambiate squadra, comprate la Longobarda e tifosi capiranno. Marchisio cosa costerebbe? E' nostro. Garantite il prestito per un altro giocatore il prossimo anno e la cosa è fatta. Oltretutto hanno appena preso Budel. Così è troppo semplice? Bisogna essere dentro per capire i problemi reali nel compiere queste operazioni? Pagate 1 milione di euro e i problemi con l'Empoli sono risolti. L'errore l'avete fatto voi a comprare due giocatori (Tiago e Almiron) uguali nello stesso ruolo. Se non ci fosse stato Cristiano Zanetti (Nocerino, per quanto bravissimo e di sicuro avvenire, deve ancora maturare) saremmo settimi o ottavi in classifica. Le partite si vincono e si perdono a centrocampo. Ma in quel ruolo i giocatori si usurano anche prima, e sono anche più soggetti ad infortuni. Cosa vogliamo fare, il resto della stagione con Almiron e Tiago in queste condizioni? Lo ripeterò sino alla nausea: Zidane, Platini e Nedved - se vogliamo metterci anche lui - erano - e sono - di un altro pianeta. Non paragoniamo le difficoltà di ambientamento del portoghese e dell'argentino con quelle avute in passato da questi mostri sacri. Loro due - al massimo - sono ottimi giocatori. Cerchiamo di riparare - per quanto possibile - agli errori compiuti la scorsa estate. Umanissimi. E questo - tutti i tifosi, e io per primo - lo dobbiamo capire. Ma quello che a noi fa più arrabbiare è che non vediamo la rabbia e la voglia di rifarsi quando possibile. Quella stessa rabbia che Nedved schiuma in campo a 36 anni la vorrei vedere anche da parte della proprietà. Se veramente tiene alla Juve.

Ma John Elkann la ama veramente la Juventus? Perchè se così fosse e ce lo dimostrasse, noi ad amare lui impiegheremmo tre secondi netti, al massimo. Lapo l'hanno fatto fuori, Andrea Agnelli dov'è? Dove vive? Ma le guarda - almeno a casa - le partite della Juve? Perchè non ci fanno sapere più nulla di lui?

Il vero male della Juve non è l'Inter, cari amici tifosi. Lo è stata e lo sarà sempre di più, sportivamente parlando. Ma il vero male è dentro di noi. Si chiama Montezemolo. E' lui che blocca i finanziamenti alla Juventus, dirottandoli sulla Ferrari. Rimanga lì, e non rompa le scatole. Lasci che John Elkann, Andrea Agnelli (se ce lo rifaranno vedere prima o poi), o un altro acquirente gestiscano la Juve. Perchè non è necessario spendere quattrini per avere una grande squadra. Ti devo semplicemente dotare di uno staff tecnico eccezionale e di una riserva di soldi che ti permetta di fare - ogni tanto - qualche investimento importante (Diego? Lampard?) e/o di comprare i giocatori per i quali hai necessità urgente. Poi gente come Blanc va benissimo: lui non deve comprare i giocatori, deve gestire una società per azioni. Non è detto che l'Amministratore Delegato di una multinazionale che produce biscotti ne sappia fare uno: il suo compito è quello di gestire gli uomini che ha a disposizione.
Perchè la Juventus non è solo cosa loro. E' anche - e soprattutto - cosa nostra.
Noi la amiamo veramente.
Forza Juve!

3 commenti:

marco99 ha detto...

Sbagliare è umano,lo so. Ma qui ci troviamo davanti ad un mercato gestito nell'iniseme in modo inguardabile.
Un museo degli orrori.
Secondo me Secco è semplicemente non adatto a ricoprire quel ruolo nella juventus, o almeno non lo è ancora.
Per il resto l'arrivo di Sissoko dovrebbe sistemare il centro campo.
Cmq ti chiedo se la coppia marchiso,paro non vale più di quella almiron tiago? secondo me si.

zebrabianconera10 ha detto...

Anche secondo me.
Tra quella Cristiano Zanetti-Sissoko e Almiron-Tiago, poi, ci sarebbe un abisso. Aggiungici la disponibilità di Marchisio...
Ciao Marco

marco99 ha detto...

Sono d'accordo c'è un abisso.
Avremmo speso molto meno e saremmo stati più competitivi, anche perchè ora siamo da capo, ci servono rinforzi sia in difesa sia in mezzo al campo.
Abbiamo buttato via un anno senza mettere nemmeno un tassello importante per rinforzarci in queste due parti di campo cosi strategiche.
Speriamo bene.

zebrabianconera10 zebrabianconera10 Se vuoi scambiare il banner contattami, ti invierò volentieri il codice via mail
SCAMBIO BANNER
BubbleShare: Share photos - Delicious Christmas Recipes.