lunedì 21 aprile 2008

Atalanta - Juventus 0-4

Ormai ci siamo: a meno di un improbabile harakiri abbiamo ottenuto il diritto a disputare i preliminari della prossima Champions League.
Il 18 novembre 2006 la Juventus giocava a Bergamo contro l'Albinoleffe, in serie B. Un anno e mezzo dopo torniamo nella città bergamasca per conquistare una vittoria sonante, convincente, meritata.
A guidarci tra i pali, ora come allora, Buffon. Là davanti una leggenda vivente: Alex Del Piero.
Non contento del 4-0 che stava ottenendo sul campo, il mister Ranieri pretendeva pressing e concentrazione come fossimo sullo 0-0. Con questo spirito si andrà lontano. Ora pensiamo a divertirci e a conquistare più vittorie possibili, il secondo posto non è ancora assegnato. Ma quello che conta ora è - finalmente - il mercato: un difensore centrale di altissimo livello, due centrocampisti ed un attaccante. Questo è quello che - a mio modo di vedere - serve a questa squadra per fare un salto di qualità e allargare qualitativamente e quantitativamente la rosa. Poi largo ai giovani che torneranno a casa, ai vari Mellberg ed altri giocatori a parametro zero. Senza dimenticarci Stendardo: se alla Lazio non servisse più, in panchina uno come lui lo terrei sempre. La Juventus - per il giocatore - rappresentava una di quelle occasioni che capitano una volta nella vita: se l'è giocata bene. Non al prezzo fissato, ma a qualcosa di meno, un professionista così non me lo lascerei scappare. E pensare che due anni fa siamo andati sino in Inghiltera a prenderci Boumsong... Non sono mai stato un esterofilo, prima di andare fuori casa a comprare qualcuno cerco bene dentro il mio paese. Oltre a Sissoko... Iaquinta, Salihamidzic, il Grygera degli ultimo tempi, la conferma dei 5 campioni,... Una base sula quale lavorare esiste. Ora però bisogna darci dentro con gli acquisti mirati e le cessioni. Anche perchè il prossimo anno si deve cercare di essere "protagonisti". Vincere non è mai facile, la concorrenza sarà spietata sia per lo scudetto che per la Champions League. Ma la Juventus ha l'obbligo morale di "essere" protagonista.
Ho fame di vittorie. Abbiamo tutti fame di vittorie. Sono stato a Manchester la sera della finale con il Milan. Voglio vincerla, quella coppa. Se tempo fa sapevo che ogni anno l'avremmo giocata e prima o poi l'avremmo potuta conquistare, dalla partita col Rimini (1a giornata del campionato di serie B) per me è diventata un chiodo fisso. Ero presente allo stadio anche in tanti altri incontri a Torino, al Delle Alpi.
Ce la faremo presto, ne sono sicuro. Voglio la rivincita.

ATALANTA-JUVENTUS 0-4 (primo tempo 0-3)
MARCATORI: Stendardo al 1', Del Piero al 6' e 34' p.t.; Del Piero al 20' s.t.
ATALANTA (4-4-2): Coppola; Rivalta, Carrozzieri, Manfredini, Bellini; Ferreira Pinto, Tissone, Guarente (26' s.t. De Ascentis), Langella (1' s.t. Padoin), Paolucci (1' s.t. Marconi), Floccari. (Ivan, Fissore, Pellegrino, Inzaghi). All. Del Neri.
JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Grygera, Legrottaglie, Stendardo, Molinaro; Camoranesi (26' s.t. Marchionni), Nocerino, Zanetti (17' s.t. Tiago), Nedved; Del Piero (32' s.t. Palladino), Trezeguet. (Belardi, Birindelli, Zebina, Salihamidzic). All. Ranieri.
ARBITRO: Trefoloni di Siena.
NOTE: spettatori 20.000 circa. Ammoniti: Langella, Molinaro, Carrozzieri e Legrottaglie. Recupero: 1' p.t. e 0' s.t.

3 commenti:

kiara ha detto...

Grandissima vittoria...abbiamo una coppia d'attacco che si dimostra sempre più forte e più in forma

davide ha detto...

ciao finalmente possiamo dire di essere sicuramente nella prossima champions

zebrabianconera10 ha detto...

Quest'anno abbiamo scherzato.
Ora torniamo a vincere...
Ciao a grazie a tutti e due per i commenti

zebrabianconera10 zebrabianconera10 Se vuoi scambiare il banner contattami, ti invierò volentieri il codice via mail
SCAMBIO BANNER
BubbleShare: Share photos - Delicious Christmas Recipes.