giovedì 27 dicembre 2007

RANIERI: ALLENARE LA JUVENTUS E' QUALCOSA DI DIVERSO

Roma, 27 dic. (Apcom) - A quattro mesi dal suo esordio sulla panchina della 'Vecchia Signora', Claudio Ranieri ammette che allenare la Juventus è qualcosa di diverso. "C'è differenza - ha spiegato il tecnico bianconero ai microfoni di Sky - perché quando sei allenatore di una squadra qualsiasi fai il tuo lavoro. Quando sei nella Juventus, invece, vuoi o non vuoi, vivi nella storia del calcio italiano, europeo e mondiale. Per cui ci sono delle sostanziali differenze".
Le responsabilità sono maggiori e forse per questo Ranieri, dai giorni del ritiro di Vinovo, non ha mai smesso di impegnarsi nel tentativo di riportare la formazione bianconera ai livelli delle grandi squadre, dopo l'anno di purgatorio in Serie B. "Avevo detto che c'erano tanti piccoli passi da fare - ha aggiunto il tecnico romano -, prima dovevamo formare il gruppo, cementarlo, e poi piano piano fare la squadra. Però subito dopo i primi giorni avevo capito che eravamo sulla strada giusta, perché il gruppo era superpositivo. I giocatori di maggiore esperienza erano aperti verso i giovani che arrivavano e che erano bisognosi di integrarsi: per cui si sono dimostrati dei campioni veri, aperti, nel cercare di farli ambientare il prima possibile. Oggi si può dire che tutte quelle promesse che avevo si stanno materializzando".
Ma il tecnico bianconero non vuole sbilanciarsi sul futuro della sua squadra: "Io non so dove possiamo arrivare - ha concluso Ranieri -. Noi sappiamo che vogliamo arrivare più in alto possibile. Ma questo non lo dico così, lo dico perché non ho un campionato alle spalle per poter dire 'la Juve è arrivata terza, benissimo, ora dobbiamo migliorare, arrivare secondi o primi'. No, l'anno scorso noi eravamo in serie B. Però non è neanche esatto perché non si può dire che la Juve è una neopromossa, anche se veniamo dal campionato cadetto. Per cui cercheremo di fare del nostro meglio, metteremo una pietra miliare sul nostro progetto. Poi l'anno prossimo cercheremo di migliorarci ancora di più".
In un mondo dove tutto si crea e tutto si distrugge con una velocità pazzesca... Grazie Mister.
Non so quanto durerà la sua avventura alla Juve, spero il più a lungo possibile. Quando - la scorsa estate - non si era potuta concretizzare l'idea-Lippi da parte della società, ero rimasto molto deluso. Poi è arrivato lei, con il suo garbo, il suo stile, la sua capacità nel creare un gruppo solido in grado di lottare ai massimi livelli nonostante le difficoltà che tutti conoscono, la sua passione nel lavorare con i giovani. E abbiamo ottenuto - in questi mesi - i massimi risultati possibili.
Avanti così, Mister.

Nessun commento:

zebrabianconera10 zebrabianconera10 Se vuoi scambiare il banner contattami, ti invierò volentieri il codice via mail
SCAMBIO BANNER
BubbleShare: Share photos - Delicious Christmas Recipes.