mercoledì 9 gennaio 2008

I "macellai" secondo il Sun: Benetti è l'unico italiano

LONDRA (Inghilterra), 8 gennaio 2008 - Chi sono i duri del calcio, altrimenti detti (spesso ingenerosamente) “macellai”? Quelli, per intenderci, che non tirano mai via la gamba e si avventano sulle caviglie altrui come i mastini su un osso; che stringono i denti e vanno avanti, incuranti del dolore, perché non mollerebbero mai la squadra in difficoltà e che, proprio per questo, sono adorati dal loro pubblico e detestati dagli avversari? Il “Sun” ne ha messi in fila 10, a giudizio del tabloid, i migliori di tutti i tempi quanto a forza fisica e mentale. Di questi, uno solo è ancora in attività (John Terry, posizione numero 10), mentre gli altri nove sono tutti annoverabili fra le “vecchie glorie”, ma comunque ancora capaci di incutere timore e rispetto.
BENETTI UNICO ITALIANO - Un po’ a sorpresa, visto che il campionato di serie A abbonda di uomini “duri e puri” alla Materazzi o Gattuso, nella classifica compare un solo italiano: si tratta di Romeo Benetti, ex mediano (quando ancora esisteva questo ruolo) di Juventus e Milan, che si piazza al quarto posto e di cui una volta un avversario disse: “E’ un vero animale, ovunque si trovi, è sempre pronto a ruggire”. Il primo della lista è, invece, l’ex sampdoriano Graeme Souness che, come scrive il giornale, “ha collezionato cartellini rossi ovunque abbia giocato e ha quasi scatenato una sommossa popolare in Turchia, piazzando la bandiera del Galatasaray allo stadio del Fenerbache”; seconda posizione per Andoni Goicoechea, noto anche come il “macellaio di Bilbao” (chiedere referenze a Maradona, che dopo uno scontro con lui rimase fuori mesi, e a Bernd Schuster, pure lui vittima dei suoi tacchetti), mentre la medaglia di bronzo va a Dave Mackay, centrocampista scozzese degli anni Sessanta, idolo di Tottenham e Derby County, capace di tornare in campo dopo due fratture alla gamba di sinistra.
PSYCO - E una gamba rotta non ha fermato nemmeno l’attuale allenatore dell’Under 21 inglese, Stuart Pearce, soprannominato “Psyco” dai tifosi del Nottingham Forest (dove ha militato 10 anni) per la sua immagine di duro ma leale, che si piazza in quinta posizione, un gradino avanti a Roy Keane, oggi alla guida del Sunderland ma negli anni Novanta “medianaccio” di quelli tosti e bandiera del Manchester United (in molti lo indicano come il successore di Sir Alex Ferguson). Come detto, chiude la classifica l’unico giocatore ancora in attività, ovvero il capitano del Chelsea e della Nazionale (Capello permettendo), John Terry, uno che, cita il giornale, “ha sempre mostrato un coraggio da leone, come quella volta che prese una botta in testa a Abou Diaby nella finale di Carling Cup con l’Arsenal, ma si fece dimettere dall’ospedale per festeggiare la vittoria insieme con i compagni di squadra”.
Questa la classifica completa: 1) Graeme Souness 2) Andoni Goicoechea 3) Dave Mackay 4) Romeo Benetti 5)Stuart Pearce 6) Roy Keane 7) Norman Hunter 8) Winnie Jones 9) Ron Harris 10) John Terry
E Pasquale Bruno???

1 commento:

marco99 ha detto...

Ciao, ti ringrazio per il commento di ieri. Certamente non mollerò, e più avanti tornerò a scrivere di questo.
Sono contento che ciò che scrivo faccia riflettere.

Riguardo il tuo post non sapevo dell'esistenza di questa classifica, però chi l'ha compilata ha scarsissima conoscenza del calcio italiano, perchè due "macellai" come materazzi e bruno non possono non comparire nel podio di questa amara classifica.

zebrabianconera10 zebrabianconera10 Se vuoi scambiare il banner contattami, ti invierò volentieri il codice via mail
SCAMBIO BANNER
BubbleShare: Share photos - Delicious Christmas Recipes.